SUBSCRIBE:

Watch Full Movie:
Get it on iTunes:
Other app stores:

BINGE WATCH OTHER POPULAR TITLES:
4 Moons:
Speedwalking:
From Beginning To End:
Geography Club:

ABOUT ‘DREAMS FROM STRANGERS’:
A story about love between an Italian guy and a Russian guy.

Director:
Roberto Cuzzillo

Starring:
Daniel De Rossi
Giuseppe Claudio Insalaco

Follow QTTV on FACEBOOK:
Follow QTTV on INSTAGRAM:

About ‘Dreams From Strangers/Non accettare i sogni dagli sconosciuti’: A story about love between a Italian guy and a Russian guy.

#LGBTQ #QTTV #GayRomance

About QTTV:
QTTV is your destination for LGBTQA+ cinema with an edge. Providing an array of award-winning films crafted by provocative directors focused on entertaining stories from across the globe.
We are home to a diverse array of cinematic perspectives, destinations, and voices. Our team goes around the world collecting and curating the best-in-film to bring to you the festival-to-screen experience.

Connect with QTTV:
Visit Yuyu TV WEBSITE:
Follow QTTV on FACEBOOK:
Follow QTTV on INSTAGRAM:

‘Dreams From Strangers/Non accettare i sogni dagli sconosciuti’ | Movie | QTTV

41 COMMENTS

  1. Massimo (Italiano) e Vladimir (Russo) scoprono di essersi follemente innamorati l'Uno dell'Altro. Vladimir sa bene, e lo dice al suo Massimo, che l'Amore tra due maschi in quella Russia che pure ama, perchè è pur sempre la Sua Patria, la Terra dove è Nato e cresciuto e dove la sua famiglia è nata ed esistita per secoli, in quella sua Russia queste manifestazioni di Amore sono condannate e contrastate con ferocia. I due giovani uomini, una sera, dopo essere stati a parlare lungo i canali della Neva a San Pietroburgo, in una delle famose "Notti Bianche", vengono aggrediti con cieca violenza da un paio di individui, saltati fuori all'improvviso nel boschetto lungo il canale, sì che i due Innamorati non hanno neppure il tempo di tentare una difesa. Dopo il pestaggio Massimo cerca Vladimir, ma non lo trova più: quel dramma li ha separati fisicamente. Vladimir sa che le cose, nella Russia nazionalista e "tradizionalista" di Vlad Putin, vanno così. Che se uno viene scoperto in atteggiamenti affettuosi con un altro Lui, ha tutta una società contro, le forze di polizia contro, i servizi segreti (il KGB ha solo cambiato nome: per il resto tutto è rimasto come durante l'URSS, eccetto un po' di sbianchetto superficiale!), e son DOLORI con tutte le lettere maiuscole. Massimo l'indomani deve rientrare in Italia. Senza poter abbracciare il suo Vladimir, che probabilmente se ne sta chiuso in casa sapendo che probabilmente era da quando aveva avvicinato lo "straniero" italiano che veniva, assieme a Massimo, seguito. E quel pestaggio non era l'opera di una gang di giovinastri succubi della propaganda putiniana, ma di qualcuno che di giorno portava la divisa addosso. Massimo torna in Italia, e tra i due Innamorati c'è una fitta corrispondenza via lettera (le E-Mail sono controllate, ovviamente!). Vladimir racconta al Suo Italiano tutto l'Amore Gigantesco che prova per Lui. E lo ringrazia di avergli fatto capire come l'Amore esige prese di coraggio, anche se questo non comporta un atteggiamento incosciente, soprattutto quando una intera società è contro i tuoi Sentimenti più Puri e Più Belli. Quanto raccontato finisce qua. Nelle lettere che Massimo riceve da San Pietroburgo Vladimir non fa certo mistero del suo smisurato desiderio di rivederlo e di stare con Lui. E che un giorno sarà così. Ma per ora le cose vanno diversamente. Vladimir ha la Mamma malata, e deve accudirla, e lo fa con Amore. Dico io: sei io avessi la Grazia di Massimo, di incontrare un giovane uomo Buono, Dolce, Gentile, Intelligente, Colto, Ricchissimo di Sensibilità come è Vladimir, col cavolo che lo lascerei in quel paese infernale. Una "patria" che ti odia, ti perseguita, ti respinge a causa dei Tuoi Sentimenti e delle Tue Emozioni i Più Belli e i Più Innocenti, solo perchè questi ultimi non sono conformi a quel coacervo di credulità, di superstizioni, di bigottismi, di terrori ancestrali, di patriarcalismo, di familismo amorale e spesso violento, che vengono surretiziamente definiti Tradizione e Identità, non è e non può essere la Tua Patria, per quanto Tu possa amarla e perdonarle troppo. L'Italia di strada per la comprensione piena dell'Amore ne ha ancora tanta, ma tanta da fare, la same-sex-attraction è tutt'ora vista come qualcosa di sommamente problematico, le violenze e i soprusi contro chi non può, non riesce e non vuole conformarsi ai dettami dell'Affettivamente Corretto (e sessualmente corretto) ci sono, e non sono pochi. Ma in confronto alla Federazione Russa, è tutto un altro paio di maniche. Fossi Massimo, farei il possibile e l'impossibile per portare non solo in Italia, ma nella mia città, anche se non è un granchè, Vladimir e la Sua Mamma. Qui le nostre strutture sanitarie non negano cure a nessuno. La Mamma di Vladimir avrebbe tutto quello che le serve per la sua malattia. E un giovane traduttore, di madrelingua russa, che conosce bene l'italiano, una occupazione come traduttore-interprete, come "lettore" di lingua russa in qualche Liceo Linguistico, la troverebbe di sicuro., Magari non in città, magari nella più grande città vicina, ma sono appena 30 km, 20 minuti di autostrada o in treno. Figuriamoci se aspetto il giorno in cui certamente ci vedremo! E se me lo ammazzano prima? Se mi tolgono Colui che è diventato, e resterà per sempre, la Mia Felicità? Non esiste. Gli piaccia o no (gli piace, gli piace, piace a TUTTI sentirsi, sapersi AMATI totalmente, al di là di quello che abbiamo tra le gambe), Vladimir me lo andrei a prendere, e lo porterei insieme alla Mamma da ME. Punto!

  2. Daniel De Rossi your an absolute star. This film is 100% yours. You are a musician and singer. When I watched you sing and play I new you had written it. If only every gay guy could have this song fed to his phone. The words make me speechless they are so powerful. I have opened and read all your replies. I tried to find my Russian and failed. Italians are my favourite choice. I love everything about your country. I agree with everything you have said. We have to stand up and fight where ever we can. I understood the use of silence and power in the film. I fell in love with your face as you sang. What a beautiful man you really are. Scotland is setting up an international film studio. Your talents are required in Europe. Both our countries are in corvid-19 lockdown. I had to speak my mind. Please take care and prosper.

  3. Si bien pienso q algunas historias no necesitan d escenas d besos para ser contadas. Ésta es una hermosa historia d amor a la q si le hubiera venido genial un buen beso.. El potencial y la química entre los protagonistas estan ahí.. 🏳️‍🌈💓🔥

  4. Guardo film e cortometraggi su uomini che – pur essendo tutt'altro che gay – si innamorano, e ne deduco che questo lato assolutamente "proibito" (a noi maschi) di provare (ma lo proviamo, tutti, solo che gli input sociali ci obbligano a reprimere, reprimere e strareprimere come fosse una tendenza all'omicidio) è riservato ai giovani. Una sorta di "malattia" adolescenziale, con qualche strascico nei 20 anni, come l'acne insomma, che poi sparisce! Ma dove! Ma quando! Sarà perchè vivo in una città medio-piccola, ma famosa per essere uno dei centri abitati più bigotti e chiusi d'Italia e non solo, e questo lo ha descritto nei suoi romanzi e nei suoi racconti anche uno scrittore locale, ma qui da un lato gli annunci on-line UOMO cerca UOMO, abbondano di maschi giovani e meno giovani che vorrebbero…ma poi al dunque non possono, e gli sguardi di sottecchi si sprecano, ma se ti permetti di fare un complimento ad un maschio, anche giovane, si scatena l'Ira di Dio! Ma i 40enni, i 50enni, e pure i 30enni e i 20enni, dove [email protected]@0 sono? Tutti impegnati con donne che poi dopo anni di frequentazione sentimentale assidua (matrimoni, convivenze, figli) li mollano, tutti impegnati a reprimersi, a odiare se stessi, e a respingere quella Felicità che magari gli viene offerta, solo perchè idee decrepite hanno stabilito che l'Amore è giusto, normale, lecito, naturale, buono, solo quando c'è da una parte un pene turgido, dall'altro una vagina con problemi più o meno gravi di secchezza, che debbono congiungersi, perchè Dio ha creato Adamo ed Eva e non Adamo e Toni e perchè solo così nascono figli. La gente che va in Chiesa tutte le Domeniche e le altre Feste Comandate sono anche qui una minoranza destinata a ulteriormente dimezzarsi nel giro di un ventennio, o forse meno, ma idee peggio che pretesche sull'Amore e sul sesso, sul piacere fisico che solo tra Due Maschi trovano la loro Pienezza e Completezza (la Donna trova Pienezza e Completezza di se stessa come Madre, si realizza come Madre, non certo come Amante), visto che le emozioni, i desideri, i sentimenti sono, basilarmente, identici all'Uno e all'Altro, mentre le varie Lei appartengono ad un mondo loro proprio. Così – e ne ho avuto esperienza – ecco maschi (miei concittadini, anche del mio quartiere) che accettano gesti di affetto e di tenerezza, per poi, dopo qualche mese, dopo un anno, un anno e mezzo, un paio d'anni al massimo ricordarsi di essere orgogliosamente "eterosessuali" e che "etero" è Bello, anzi Meraviglioso, e di punto in bianco ti mollano magari con male parole e in maniera offensiva. Dell'ordine, cioè: sei tu il frocio che mi hai sedotto, io ero in stato di debolezza e tu hai approfittato della mia fragilità! Ma il frocio sei e resti Tu, a me piace la gnocca e con te non ci voglio avere niente a che fare. E tutto questo dopo che l'orgoglioso "etero" si è lasciato – e ha fatto in modo di lasciarsi – letteralmente "scopare" la bocca con i tuoi baci fin troppo profondi. I video qui, caricati sul Tubo, ci raccontano sogni e desideri, perchè la realtà è molto ma molto diversa: direi opposta. Lo vorrei anch'io tornare a vent'anni come i due protagonisti di questo video, e trovare riscontro in un mio coetaneo (anno più, anno meno). Ma quando avevo vent'anni io – e adesso ne ho più di 40, non ne ho 90 eh! – una cosa del genere era impensabile. E il "bello-si-fa-per-dire" è che dopo vent'anni le cose sono rimaste, almeno dalle mie parti, tali e quali. Solo annunci sui siti "ad hoc" a cui sicuramente mille e mille guardano (di nascosto, perchè se la mamma, la ragazza, la moglie scoprono il tuo "lato" più vero, sincero, e nascosto, custodito nel segretissimo carcere del tuo cuore, son dolori) e uno risponde, per poi sparire. Gli sguardi si incrociano, ma nessuno ha coraggio di fare un passo in più, per paura (non immotivata) di essere respinto, e chi ti respinge ha più voglia di te di essere tuo e che tu sia suo, ma ti respinge, perchè è una cosa cattiva, ripugnante, femminea, e poi la gente vede, parla, giudica, insulta, deride. Lo ha detto pure un grandissimo attore inglese come Rupert Everett: ultracinquantenne ma sempre un bellissimo ragazzino come in ANOTHER COUNTRY, la pellicola che lo ha lanciato, lui che vive nel mondo dello spettacolo da ormai 40 anni filati, un mondo che si penserebbe mentalmente "apertissimo" e "libero", e dice che l'errore peggiore che ha fatto nella sua vita è stato quello di dichiarare apertamente, e di vivere apertamente, le proprie irresistibili tendenze di same-sex-attraction (il termine pseudo-scientifico "omosessuali" lo dichiaro abolito: è una parola vuota, dietro non c'è niente, come del resto nei termini, demenziali, "eterosessuale", "bisessuale", e via nel tentando di "schedare" quella Realtà Straordinariamente Insondabile che è l'Uomo, con la Sua Anima, i Suoi Veri Affetti, i Suoi Veri Desideri, i Suoi Veri Sentimenti, tutta roba nascosta e da nascondersi dietro la maschera di una "normalità" inventata da filosofi, teologi, psichiatri, psicologi e altri stregoni e manipolatori mentali inetti a fare i conti con la propria dimensione affettiva ed "erotica"). Lo ha detto Rupert Everett, non un pastore di pecore del Wyoming come potrebbe essere un Ennis del Mar degli anni '60 scorsi o di oggi. E poi a 70 anni tutti ad invocare le carezze di un Lui, magari più giovane – 50, 40, 30anni – dopo avere trascorso decenni a rifiutare, reprimersi, additare "quelli là", ecc.

  5. I like the subtle, subversive message of this film. In Russia, being gay is, to say the least, difficult. This movie seems to be giving Russia, Putin, etc., the middle finger. Long live the LGBTQ Revolution! LGBTQ people of the world UNITE; you have nothing to lose but your closets!!!

  6. Wow.. just when I thought this movie couldn't get any more beautiful. Pure mastery at work here. Love how gracefully the two guys love transitions. Not too slow but also not hurried, just the right pacing.

  7. Dio, se un uomo mi cantasse una canzone in questo modo.. 😵💖😍
    che altro potrei fare se non amarlo?

    Se potessi dirigere la scena avrei fatto inginocchiare l’ altro bellissimo ragazzo (non pensate subito male!) ai suoi piedi e gli avrei detto di abbracciarlo cingendo il suo bacino e la sua schiena posando la testa di lato sulle sue ginocchia, quasi a rannicchiarsi nel suo ventre come farebbe un bimbo in cerca di protezione, comprensione e amore con la madre o con un fratello maggiore.

    Trovo che cantando in quel modo abbia espresso e offerto tutte e tre le cose che cerchiamo fin da piccoli.. protezione, comprensione e amore

    Un bel dono del suo cuore

    💖🌟💖

Comments are closed.